A volte ci si perde. Si dimentica ciò per cui si gioiva. Si dimentica ciò che ci faceva sentire vivi. Si vaga. Vagabondando però capita sott’occhio un libro, un’immagine, un disco, qualcosa che ricordi il sentiero perduto. Scintille in grado di riaccendere un fuoco spento. Così mi è finito fra le mani questo libro.

Per ripararmi dal freddo di un pomeriggio d’ottobre mi sono cacciato in biblioteca. Vago annoiato tra gli scaffali quando la vecchia copertina verde di un libro fuori posto mi colpisce. Mi guardo attorno per vedere che non ci sia nessuno a reclamarlo e lo prendo in mano. Ha un titolo criptico: Presenze. L’autore mi è sconosciuto: Jerzy Kosinski. Mi incuriosisce. Lo apro.

La trama mi spiazza: Chance è un uomo che ha passato tutta la sua vita a coltivare il proprio giardino, senza mai uscire dalla propria casa e quasi senza contatti col mondo esterno. Alla morte del suo benefattore però è costretto ad andarsene ed è spinto verso un mondo che fino ad allora aveva visto solo in televisione. Qui iniziano le avventure che lo porteranno fino ad essere considerato un grande uomo d’affari e una fine mente politica. Tutto grazie alla sua totale ignoranza, quella di un uomo che avrebbe tutte le carte in regola per diventare un disadattato e che invece si ritrova a essere creduto consigliere del Presidente.

Conquistato, decido di portare via con me quello che sembra un tesoro abbandonato.

Arrivato a casa mi immergo subito nella lettura: ne vengo assolutamente rapito.

Innanzitutto perché il libro è scorrevole, maledettamente divertente e breve, adatto ad essere letto tutto d’un fiato. Sopratutto però mi ritrovo da subito in un mondo familiare, ma al tempo stesso assurdo. Riesco perfettamente ad immedesimarmi. Perchè questo romanzo è una strabiliante caricatura dell’America e, in fin dei conti, in parte anche del nostro paese (vista l’influenza che lo zio Sam ha avuto sull’Italia). Così, come in tutte le caricature, vengono esaltati ironicamente limiti e difetti.

Ad esempio si nota facilmente come vengano sottolineati il ruolo e l’impatto dei mass media sulla politica e più in generale sulla società. Nel racconto la TV è il modello per ogni azione del protagonista e anche il veicolo per la trasmissione di ogni idea politica. Invade la vita di ogni cittadino e ha effetti che sono comprensibilmente dannosi. È la descrizione della nostra era, in cui i mezzi di comunicazione di massa condizionano e quasi manovrano le persone.

Mi ha colpito però un altro concetto di questo libro. Ogni personaggio è così assorbito da sé e dalla propria visione del mondo che Chance diventa un’icona. È un uomo totalmente vuoto in cui ciascuno proietta i propri principi, le proprie idee, trasformandolo di volta in volta in un proprio eroe o nemico. Anche l’aperta ammissione della sua ignoranza viene interpretata come un segno di perspicacia e raffinatezza. È una realtà in cui non c’è comunicazione, solo un narcisistico monologo. Un dipinto che purtroppo a volte sembra concretizzarsi.

C’è però un qualcosa di questa storia che non è così pessimistico e che ha inciso su di me: viene raccontato cosa può succedere quando usciamo dal nostro giardino rimanendo aperti al destino. Le possibilità sono infinite. In un attimo ci si può ritrovare uomo di successo, proprio come Chance.

Questo è la scintilla che ha riacceso il fuoco. Da un po’ di tempo mi stavo chiudendo lentamente in me. Stavo costruendo dei muri di scuse e di routine. Poi un giorno mi è capitato per le mani un piccolo libro ingiallito e ho capito.

Il mondo non è certamente un posto perfetto, ma non posso chiudermi fra le mura del mio giardino. Fuori ci sono troppi fiori da raccogliere.

Chi siamo, in breve...

Siamo un gruppo di ragazzi che vuole diffondere ottimismo e voglia di mettersi in gioco non solo attraverso una rivista.

Come sostenerci

Se quello che hai letto su questo sito ti è piaciuto, sostieni la nostra Associazione. Il tuo contributo ci aiuterà ad affrontare sempre nuove sfide!

Seguici su...

Privacy policy - Disclaimer e note legali

© 2017 Associazione Culturale 1000 Miglia. C.F. 96092090040. Credits to Federico Flecchia.

Share This